Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Il comune di Buti fa parte dell'Unione dei comuni della Valdera

REFERENDUM ABROGATIVI 28 MAGGIO 2017

REFERENDUM ABROGATIVI 28 MAGGIO 2017

Con Decreti del Presidente della Repubblica in data 15 marzo 2017, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 62, sono stati indetti i referendum popolari abrogativi. Si ricorda che i seggi resteranno aperti nella sola giornata di domenica 28 maggio, dalle ore 7 alle ore 23. Tutte le elettrici ed elettori dovranno presentarsi al proprio seggio elettorale muniti della tessera elettorale e di documento di riconoscimento (carta di identità, patente di guida, passaporto, oppure documenti rilasciati da enti pubblici purché muniti di fotografia).

LA TESSERA ELETTORALE: RILASCIO E RINNOVI
 
Tutte le elettrici ed elettori dovrebbero essere in possesso della tessera elettorale a suo tempo consegnata che è valida per diciotto consultazioni. La tessera deve essere conservata fino all’esaurimento degli spazi. Considerando che le tessere elettorali sono state distribuite per la prima volta nel 2001, si invita a fare una particolare attenzione all’esaurimento dei 18 spazi a disposizione. In caso di variazione di indirizzo all’interno del Comune, con variazione della sezione elettorale, controllare di aver ricevuto il tagliando adesivo da applicare sulla Tessera Elettorale in proprio possesso attestante la variazione. 
In caso di smarrimento, mancata consegna o esaurimento spazi della Tessera Elettorale, sarà possibile richiederne un duplicato presso l’Ufficio Anagrafe, aperto nei seguenti orari:
  • Dalle 10.00 alle 13.00 dal lunedì al venerdì - il giovedì pomeriggio dalle 15.30 alle 17.30
  • Nei giorni 26 e 27 maggio sarà aperto dalle 9 alle 18
  • Nel giorno della consultazione osserverà l'orario di votazione e quindi dalle 7 alle 23

OPZIONE VOTO IN ITALIA

Gli elettori residenti all'estero, come noto, votano per corrispondenza nella circoscrizione Estero ma è fatta salva la loro facoltà di venire a votare in Italia presentando apposita richiesta all'Ufficio consolare di riferimento entro il 25 marzo 2017 mediante consegna a mano o invio postale o telematico unitamente a copia di un documento di riconoscimento. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Ministero degli affari esteri

VOTO ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL'ESTERO

Entro il 26 aprile 2017 gli elettori che, per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano all'estero per un periodo di almeno tre mesi (art. 4bis Legge 459/2001) possono chiedere di votare all'estero per corrispondenza. La domanda può essere inoltrata sia tramite posta elettronica certificata che tramite posta elettronica ordinaria all'indirizzo: comune.buti.pi@postacert.toscana.it
Modulo domanda

ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO A DOMICILIO PER GLI ELETTORI AFFETTI DA INFERMITA’ CHE RENDONO IMPOSSIBILE L’ALLONTANAMENTO DALL’ABITAZIONE
 
Tutte le elettrici ed elettori che siano affetti da gravissime infermità o che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali che ne impediscono l’allontanamento dalla propria abitazione, posso chiedere di essere ammessi al voto presso la loro dimora. A tal fine dovranno far pervenire dal 18 aprile al 8 maggio 2017 al Sindaco del Comune di Buti, una dichiarazione in carta libera corredata della prescritta certificazione medica. I modelli di dichiarazione sono disponibili presso l’Ufficio Elettorale del Comune, il quale è a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento.

Allegato Modulo richiesta per il voto a domicilio

VOTO ASSISTITO: ACCOMPAGNAMENTO IN CABINA Gli impossibilitati a votare personalmente possono presentarsi accompagnati da un altro elettore, familiare o conoscente, scelto dagli stessi.  Quando l'infermità fisica risulti evidente (non vedenti, affetti da paralisi, ecc.) il Presidente di Seggio acconsente al diritto di voto; quando invece l'impedimento non è evidente l'elettore dovrà essere munito di Certificato rilasciato dal medico designato dalle A.S.L. comprovante la propria infermità fisica.